LABORATORIO DI RICERCA E SPERIMENTAZIONE TEATRALE organizzato in colaborazione con ASL nordovest toscana - Centro diurno di San Frediano a Settimo - Centro diurno Via Romiti - Comunità Basaglia, Agape e con la Clinica Psichiatrica dell'Università di Pisa

ATTORI DI/VERSI è un laboratorio teatrale rivolto a persone con disturbi di comportamento o patologie psichiatriche, educatori, artisti, ricercatori, attori, operatori socio sanitari, studenti universitari. 

Il laboratorio è basato sulla esperienza del gioco del sintomo, metodologia di formazione umana e professionale emersa in oltre vent'anni di ricerca svolta da Alessandro Garzella e dalla equipe di operatori e clinici che hanno contribuito allo sviluppo dell'esperienza (vedi pubblicazioni IL GIOCO DEL SINTOMO edito da Pacini/Fazzi e IL TEATRO DEL DOLORE edito da Titivillus entrambi curati da Renzia D'Incà, TEATRO STALLA ANIMALI UOMINI E DEI edito da Moretti e Vitali a cura di Andrea Porcheddu)

Il gioco del sintomo è una particolare relazione ludico espressiva che, attraverso tecniche e giochi teatrali, crea un contesto empatico e conflittuale aperto e protetto in cui possono intrecciarsi bisogni e provenienze molto diverse tra loro.

L'esperienza si prefigge l'obiettivo di connettere le identità, valorizzare gli stili di vita personali in base ai contesti sociali, ambientali e lavorativi dei partecipanti, sviluppando l'espressione delle rispettive conoscenze e personalità in una prospettiva di integrazione tra i diversi saperi e di libera espressione delle differenti pulsioni individuali.

Questa pratica, oltre alla direzione di Alessandro Garzella, si avvale della conduzione di Marco e Ivano, utenti storici provenienti da esperienze di disturbo mentale e della presenza di collaboratori specializzati provenienti dall'ambito teatrale o dal Corso di Laurea per Tecnici di Riabilitazione psichiatrica dell'Università di Pisa dove Garzella svolge una docenza esterna. minando percorsi di apprendimento e tirocini per studenti universitari, giovani attori, educatori e persone in difficoltà.

Gli obiettivi dell'esperienza, che dà vita a tirocini universitari, corsi di formazione per attori/educatori specializzati nella metodologia del gioco del sintomo, fanno riferimento a diverse necessità artistiche e sociali: apprendere tecniche teatrali attinenti l'espressione dei propri bisogni, includendo le nevrosi e le psicosi individuali e sociali; integrare, sul piano umano e professionale, ambiti sanitari, artistici, culturali, sociali, scolastici e universitari; approfondire, con il metodo sperimentale, la ricerca sulla metodologia del gioco del sintomo, rispetto agli esiti espressivi, artistici e alle relazioni interpersonali che produce; promuovere le arti e la sensibilità realzionale in contesti comunitari.

Nella fase più avanzata il laboratorio sviluppa una propria ricerca artistica sulla devianza, sull'espressione delle pulsioni e degli istinti, sulla natura dell'irrazionale e del difforme, intesi sia come manifestazioni di sofferenza e degrado sociale sia come emergenze interiori, legate ai bisogni e ai misteri della nostra esistenza.

Il laboratorio ha una frequenza settimanale per dieci mesi l'anno e ha sede presso la Sala Polivalente in piazza della Fornace a Riglione (Pisa). 

 

ATTORI DI/VERSI

Descrizione immagine

...nelle mani di un pazzo...

 

re nudo favola sull'inganno

Ivano Liberati e Marco Selmi frequentano continuativamente, da più di venticinque anni, il laboratorio teatrale ed oggi, con la supervisione di un tutor, collaborano alla conduzione di alcune sezioni di formazione artistica rivolte a educatori, studenti universitari e giovani attori; le immagini sono riferite alle opere teatrali "Crazy's shakespeare" "Nelle mani di un pazzo" "Re nudo" e  "Bio/diversi" . Recentemente il gruppo di non attori che frequenta il laboratorio si è ampliato, accogliendo presenze nuove che stanno arricchendo l'esperienza e rinnovando la ricerca. Il nuovo gruppo ha prodotto le performance teatrali "La notte dei mutamenti" "Storie d'amore e d'utopia" e "L'ombra di Orfeo", allestite nel parco naturale di Coltano (Pisa) nell'ambito di iniziative pubbliche particolarmente partecipate

 

 

 

 

 

nelle mani di un pazzo

 

 

 

 

 

re nudo favola sull'inganno

bio/diversi